Intero Regolamento

Regolamento interno per i lavori del Consiglio regionale

(approvato con deliberazione del Consiglio regionale n. 56/2 del 12 ottobre 2010, pubblicato nel BURA 1° dicembre 2010, n. 76 ed entrato in vigore il 1° gennaio 2011)

 

Testo vigente
(in vigore dal 20/08/2020)

 
   

 
CAPO III
DELLA GIUNTA PER IL REGOLAMENTO

 
Art. 14
Composizione della Giunta per il Regolamento

1. La Giunta per il Regolamento è costituita con decreto del Presidente del Consiglio, ha carattere permanente ed è composta da un rappresentante per ciascun gruppo politico, nominato dal rispettivo capogruppo, cui è attribuito un numero di voti proporzionato alla consistenza del gruppo di appartenenza.

2. [La Giunta per il Regolamento è presieduta dal Presidente del Consiglio.]

3. L'ufficio di Presidenza della Giunta per il Regolamento è eletto secondo le procedure di cui all'articolo 30.

4. Le funzioni del Presidente, del vice Presidente e del Segretario sono regolate dall'art. 31.

_________________

Note all'art. 14:

     Il comma 2 è stato abrogato dall'art. 1, comma 1, del regolamento approvato dal Consiglio regionale con provvedimento n. 25/3 del 09.04.2015, pubblicato nel BURA 6 maggio 2015, n. 16.

     Il comma 3 è stato così sostituito dall'art. 1, comma 2, del regolamento approvato dal Consiglio regionale con provvedimento n. 25/3 del 09.04.2015, pubblicato nel BURA 6 maggio 2015, n. 16. Il testo originario era così formulato: «3. Il vice Presidente ed il Segretario sono eletti secondo le procedure di cui all'art. 30.».

     La norma transitoria contenuta nell'art. 2, comma 1, del regolamento approvato dal Consiglio regionale con provvedimento n. 25/3 del 09.04.2015, pubblicato nel BURA 6 maggio 2015, n. 16, così dispone: «Entro dieci giorni dall'entrata in vigore del presente atto, il Presidente del Consiglio convoca la Giunta per il Regolamento per procedere alla costituzione dell'Ufficio di Presidenza della Giunta nel rispetto delle previsioni normative di cui all'articolo 1.».

_____________________________________

 
Art. 15
Attribuzioni

1. La Giunta per il Regolamento:

a) elabora le proposte relative al Regolamento;

b) esamina le proposte relative al Regolamento presentate dai consiglieri e riferisce al Consiglio sulle stesse;

c) esprime al Consiglio, per le definitive determinazioni, parere sulle questioni relative all'interpretazione del Regolamento che siano ad essa deferite dal Presidente del Consiglio o richieste dai singoli consiglieri;

d) dirime i conflitti di competenza tra le Commissioni.

2. La Giunta per il Regolamento, a maggioranza dei suoi componenti, può richiedere pareri al Collegio per le Garanzie statutarie secondo le modalità stabilite dalla legge.

3. Se insorgono rilevanti controversie di interpretazione del Regolamento nel corso delle sedute delle Commissioni, il Presidente della Commissione informa il Presidente del Consiglio che decide sentita, se lo ritiene necessario, la Giunta per il Regolamento.

4. Se insorgono rilevanti controversie di interpretazione del Regolamento nel corso delle sedute del Consiglio, spetta al Presidente la decisione finale. Su richiesta avanzata da dieci consiglieri, il Presidente pone in votazione la sospensione dei lavori e l'invio della questione controversa alla Giunta per il Regolamento, che si riunisce immediatamente.

 
Art. 16
Approvazione e pubblicazione del Regolamento

1. Il Regolamento è approvato a maggioranza dei due terzi dei componenti dell'Assemblea. Dopo il secondo scrutinio è sufficiente, per l'approvazione, la maggioranza assoluta dei componenti dell'Assemblea.

2. Nei dieci giorni successivi alla deliberazione, un terzo dei componenti del Consiglio può richiedere al Collegio per le Garanzie statutarie la valutazione di legittimità su tutto o parte del Regolamento. Il Collegio per le Garanzie statutarie si pronuncia entro un mese dalla richiesta; trascorso tale termine il Regolamento è pubblicato nel Bollettino Ufficiale della Regione.

3. Le proposte di abrogazione o di modifica del Regolamento sono elaborate dalla Giunta per il Regolamento e discusse dal Consiglio secondo le norme di cui al Capo XI.