L.R. 22 luglio 1986, n. 26 ([1]).

Stemma e gonfalone della Regione Abruzzo ([2]).

Indice

Art. 1 Stemma.

Art. 2 Gonfalone.

Art. 3

 

Art. 1
Stemma.

     Lo stemma della Regione Abruzzo è costituito dal bozzetto allegato A, che forma parte integrante della presente legge ed è composto da uno scudo sannitico stilizzato suddiviso in tre fasce trasversali di colore bianco, verde e azzurro, rappresentanti, nell’ordine, le vette innevate, i boschi e le colline ed il mare dell’Abruzzo.

     La fascia bianca è posta in alto a sinistra, quella verde al centro e quella azzurra nella parte inferiore, riflettendo tale disposizione il susseguirsi dei monti, delle colline e del mare, secondo il naturale andamento geografico-morfologico del territorio regionale.

     Le tre fasce sono delimitate da una bordatura color oro.

Art. 2
Gonfalone.

     Il gonfalone della Regione riproduce, al centro, lo stemma di cui al precedente art. 1, sovrastato dalla scritta “Regione Abruzzo”, come da bozzetto allegato B, che forma parte integrante della presente legge.

     Il fondo è di colore bordeaux brillante contornato da una bordatura.

     La base è a vertice frangiata, mentre nella parte superiore sono posti gli occhielli per l’inserimento di un’asticella in ottone lucido per il supporto del gonfalone.

     La bordatura, la frangia e gli occhielli sono in colore oro.

Art. 3

     La presente legge è dichiarata urgente ed entra in vigore il giorno successivo a quello della sua pubblicazione nel Bollettino Ufficiale della Regione.

 

Allegato A

 

Disegno dello stemma a colori

 

Allegato B

 

Disegno del gonfalone in b/nero



(<>)([1]) Pubblicata nel BURA 28 luglio 1986, n. 8 Straordinario.

(<>)([2]) Con Delib.U.P. 28 novembre 2000, n. 252 è stato adottato il logo del Consiglio regionale