Intera legge

L.R. 10 dicembre 2012, n. 59

Riconoscimento di Treglio paese dell'affresco.

(Approvata dal Consiglio regionale con verbale n. 134/4 del 27 novembre 2012, pubblicata nel BURA 19 dicembre 2012, n. 69 ed entrata in vigore il 20 dicembre 2012)

 

Testo abrogato
(dal 28/12/2013)

 
   

_________________

Note generali:

     La L.R. 18 dicembre 2013, n. 49 ha disposto, con l'art. 6, comma 1, l'abrogazione dell'intero testo della presente legge.

_____________________________________

 
Indice

Art. 1 - Finalita' [abrogato]

Art. 2 - Riconoscimento della manifestazione d'arte "Treglio affrescata" [abrogato]

Art. 3 - Obiettivi [abrogato]

Art. 4 - Organizzazione [abrogato]

Art. 5 - Contributo regionale [costituzionalmente illegittimo]

Art. 6 - Entrata in vigore [abrogato]

 

Art. 1
Finalita'

[1. La Regione, nel rispetto del dettato dell'articolo 8, comma 1, dello Statuto regionale, si propone di documentare, valorizzare e promuovere l'arte della pittura "a fresco" sul territorio regionale.]

Art. 2
Riconoscimento della manifestazione d'arte "Treglio affrescata"

[1. La Regione, per le finalita' di cui all'articolo 1, in considerazione della valenza internazionale della manifestazione d'arte "Treglio affrescata", riconosce a Treglio (Ch) la qualifica di "Paese dell'affresco".]

Art. 3
Obiettivi

[1. Ai fini del riconoscimento di cui all'articolo 2, la manifestazione d'arte "Treglio affrescata" persegue i seguenti obiettivi:

a) promuove la salvaguardia, valorizzazione e diffusione dell'arte della pittura a fresco;

b) gestisce un laboratorio permanente aperto a tutti ed organizza periodicamente corsi didattici destinati a studenti delle scuole d'arte, artisti italiani e stranieri, studiosi ed appassionati della tecnica dell'affresco;

c) ai fini dello sviluppo turistico sostenibile, rende fruibile, mediante opportune iniziative di divulgazione, il godimento delle opere d'arte;

d) custodisce, valorizza, documenta e diffonde la conoscenza del patrimonio artistico di pittura affrescata acquisito in seguito allo svolgimento della manifestazione d'arte;

e) collabora, se richiesta, con la Soprintendenza ai Beni Ambientali, Architettonici, Artistici e Storici e con gli Enti locali interessati, nelle forme e modi da concordare tra le parti, ai fini del recupero e restauro di beni artistici regionali espressi nella forma pittorica dell'affresco;

f) organizza, in accordo con gli istituti scolastici, visite guidate in favore degli studenti di ogni ordine e grado;

g) collabora con le scuole di ogni ordine e grado al fine di offrire un contributo formativo e didattico, nello specifico settore artistico, che affianchi, anche attraverso percorsi dedicati, la didattica frontale delle scuole.]

Art. 4
Organizzazione

[1. La manifestazione d'arte "Treglio affrescata" si svolge a Treglio (Ch), con cadenza annuale, a cura dell'Amministrazione comunale interessata che ne gestisce in proprio l'organizzazione e lo svolgimento.]

Art. 5
Contributo regionale

[1. La Regione, per il perseguimento degli obiettivi di cui all'articolo 3, puo' sostenere finanziariamente la manifestazione d'arte "Treglio affrescata" mediante elargizione al Comune gestore di un contributo anche annuale.

2. La concessione del contributo regionale, nelle forme e modi di cui al comma 3, e' subordinata alla presentazione, entro il termine di sessanta giorni antecedente la data di svolgimento della manifestazione, di una relazione dettagliata, comprensiva della previsione di spesa, firmata del legale rappresentante della manifestazione.

3. L'ammontare complessivo del contributo, che non puo' eccedere il 50% della spesa sostenuta, e' erogato dalla Giunta regionale nella seguente misura:

a) 40% prima della realizzazione della manifestazione e, comunque, a seguito della presentazione della relazione di cui al comma 2;

b) 60% entro trenta giorni dalla presentazione di una relazione illustrativa dell'attivita' svolta, corredata del bilancio consuntivo dell'attivita' finanziata, a firma del legale rappresentante.

4. Il contributo regionale, se erogato, salvo diversa disposizione di legge, non e' cumulabile con quelli derivanti dall'applicazione di altre leggi regionali.]

_________________

Note all'art. 5:

     Con delibera dell'8 febbraio 2013, il Consiglio dei ministri ha impugnato dinanzi alla Corte Costituzionale, ai sensi dell'art. 127 della Costituzione, il comma 3 per violazione dell'art. 81, quarto comma, della Costituzione.

     La L.R. 18 dicembre 2013, n. 49 ha poi disposto, con l'art. 6, comma 1, l'abrogazione dell'intero testo della presente legge.

     Con sentenza n. 68 del 2014, la Corte costituzionale, considerato che non vi e' alcuna dimostrazione che la disposizione impugnata - la quale contiene previsioni dotate di immediata efficacia - non abbia avuto applicazione prima della sua abrogazione, ha dichiarato l'illegittimita' costituzionale del comma 3 e, in via consequenziale, ai sensi dell'art. 27 della legge 11 marzo 1953, n. 87 (Norme sulla costituzione e sul funzionamento della Corte costituzionale), l'illegittimita' costituzionale dei commi 1, 2 e 4.

_____________________________________

Art. 6
Entrata in vigore

[1. La presente legge entra in vigore il giorno successivo a quello della sua pubblicazione nel Bollettino Ufficiale della Regione Abruzzo.]