Intera legge

L.R. 28 dicembre 2012, n. 71

Misure per il contenimento dei costi della selezione del personale nella Regione Abruzzo, modifica alla L.R. 91/1994 e disposizioni per il funzionamento della Struttura del Servizio di Cooperazione Territoriale - IPA.

(Approvata dal Consiglio regionale con verbale n. 137/5 del 21 dicembre 2012, pubblicata nel BURA 28 dicembre 2012, n. 94 Speciale ed entrata in vigore il 29 dicembre 2012)

 

Testo vigente
(in vigore dal 29/12/2012)

 
   

 
Indice

Art. 1 - (Proroga delle graduatorie vigenti)

Art. 2 - (Misure di contenimento alla spesa delle ADSU, modifica alla L.R. 91/1994)

Art. 3 - (Funzionamento della Struttura del Servizio Cooperazione Territoriale - IPA)

Art. 4 - (Entrata in vigore)

 

Art. 1
(Proroga delle graduatorie vigenti)

1. Ai fini del contenimento dei costi delle Amministrazioni pubbliche connessi alle selezioni del personale, la validita' delle graduatorie dei concorsi pubblici per assunzioni a tempo indeterminato e delle selezioni interne, relative alla Regione Abruzzo e agli Enti dipendenti soggetti a limitazioni delle assunzioni, non ancora scadute alla data di approvazione della presente legge da parte del Consiglio regionale, e' prorogata fino al 31 dicembre 2014.

2. La proroga di cui al comma 1 si intende riferita anche agli idonei utilmente posizionati in graduatoria.

_________________

Note all'art. 1:

     Con delibera del 26 febbraio 2013, il Consiglio dei ministri ha impugnato dinanzi alla Corte Costituzionale, ai sensi dell'art. 127 della Costituzione, il comma 1 per violazione dell'art. 117, terzo comma, della Costituzione. Con sentenza n. 17 del 2014, la Corte costituzionale ha dichiarato inammissibile la questione di legittimita' costituzionale del comma 1.

_____________________________________

Art. 2
(Misure di contenimento alla spesa delle ADSU, modifica alla L.R. 91/1994)

1. L'articolo 19 della legge regionale 6 dicembre 1994, n. 91 (Norme sul diritto agli studi universitari in attuazione della legge 2 dicembre 1991, n. 390) e' sostituito dal seguente:
"Art. 19
(Dirigente)
1. Nelle more del processo di riordino delle Aziende regionali per il diritto agli studi universitari, ad ogni Azienda e' preposto un Dirigente, scelto tra i dirigenti della Pubblica Amministrazione, il cui incarico e' conferito ai sensi della L.R. 14 settembre 1999, n. 77 (Norme in materia di organizzazione e rapporti di lavoro della Regione Abruzzo).
2. Al Dirigente sono attribuiti le competenze, le responsabilita' ed il trattamento economico propri del dirigente di Servizio regionale in base alla normativa vigente in materia.
3. Sono fatti salvi i contratti da direttore in essere alla data del 1o dicembre 2012 sottoscritti a norma della L.R. 77/1999, entro il limite quinquennale di cui all'articolo 19 del D.Lgs. 30 marzo 2001, n. 165 (Norme generali sull'ordinamento del lavoro alle dipendenze delle Amministrazioni pubbliche).
4. Nel rispetto del criterio della rotazione di cui al comma 4 dell'articolo 20 della L.R. 77/1999, i dirigenti delle ADSU per i quali, alla data del 1o dicembre 2012, l'incarico abbia superato la durata di sette anni, tornano in disponibilita' per il successivo incarico nelle forme e con le modalita' di cui alla medesima L.R. 77/1999.
5. [Nel caso di mancato rinnovo o mancato conferimento dell'incarico di dirigente al personale dirigente presente nei ruoli dell'ente, quest'ultimo, considerato in esubero, transita direttamente nei ruoli regionali ed e' collocato tra il personale a disposizione della Direzione "Affari del Personale".]
6. [In caso di assenza o impedimento del Dirigente derivante da qualsiasi motivo, al fine di garantire il funzionamento delle Aziende per il Diritto allo Studio Universitario, le funzioni attribuite al dirigente sono svolte, per il tempo in cui perdura l'assenza o l'impedimento ed in ogni caso nei limiti previsti dalla L.R. 77/1999, da un Funzionario che abbia i requisiti per l'accesso alla qualifica dirigenziale con il grado piu' elevato e, in caso di piu' funzionari, da quello con anzianita' di servizio piu' elevata nella qualifica.]
7. [Per il periodo di svolgimento delle funzioni di cui al comma 6 al funzionario e' riconosciuto il trattamento economico spettante al dirigente".]

_________________

Note all'art. 2:

     Con delibera del 26 febbraio 2013, il Consiglio dei ministri ha impugnato dinanzi alla Corte Costituzionale, ai sensi dell'art. 127 della Costituzione, i commi 5, 6 e 7 dell'art. 19 della l.r. 91/ 1994 come riformulato dal presente articolo per violazione dell'art. 117, secondo comma, lett. l), della Costituzione. Con sentenza n. 17 del 2014, la Corte costituzionale ha dichiarato l'illegittimita' costituzionale dei commi 5, 6 e 7.

     Per l'interpretazione autentica e per la disposizione attuativa dei commi 3 e 4 dell'art. 19 della l.r. 91/ 1994 come riformulato dal presente articolo, vedi l'art. 14, commi 1 e 2, L.R. 16 luglio 2013, n. 20.

_____________________________________

Art. 3
(Funzionamento della Struttura del Servizio Cooperazione Territoriale - IPA)

1. Al fine di consentire un adeguato funzionamento della Struttura del Servizio Cooperazione Territoriale - IPA e l'espletamento delle rimanenti attivita' sui Programmi di Cooperazione Internazionale della Regione Abruzzo 2006-2011 e' autorizzata, per il solo anno 2012, la spesa complessiva di € 50.000,00.

2. Al bilancio 2012 sono apportate le seguenti variazioni:

a) Capitolo n. 61637 denominato "Intervento Regionale a favore della Cooperazione dei Paesi in Via di Sviluppo L.R. 14.12.1989, n. 105 e L.R. 20.4.1995, n. 63" U.P.B. 01.01.007: in aumento € 50.000,00;

b) Capitolo n. 11202 denominato "Trattamento economico del personale: principale ed accessorio" U.P.B. 02.01.005 in diminuzione di € 50.000,00.

3. La Giunta regionale e' autorizzata ad effettuare le occorrenti variazioni contabili.

Art. 4
(Entrata in vigore)

1. La presente legge entra in vigore il giorno successivo a quello della sua pubblicazione nel Bollettino Ufficiale della Regione Abruzzo.