L.R. 14 ottobre 2015, n. 29

Provvedimenti urgenti per la tutela dell'ambiente e dell'ecosistema della costa abruzzese.

(Approvata dal Consiglio regionale con verbale n. 42/2 dell'8 ottobre 2015, pubblicata nel BURA 14 ottobre 2015, n. 105 Speciale ed entrata in vigore il 15 ottobre 2015)

 

Testo vigente
(in vigore dal 15/10/2015)
dichiarato costituzionalmente illegittimo con sentenza n. 39 del 2017

 
   

_________________

Note generali:

     Con delibera del 4 dicembre 2015, il Consiglio dei ministri ha impugnato dinanzi alla Corte Costituzionale, ai sensi dell'art. 127 della Costituzione, la presente legge per violazione dell'art. 5 e per contrasto con gli articoli 3, 97, 117, terzo comma  e 118 della Costituzione. Con sentenza n. 39 del 2017, la Corte costituzionale ha dichiarato l'illegittimita' costituzionale della presente legge per violazione dell'art. 117, terzo comma, e dell'art. 118 della Costituzione.

_____________________________________

Art. 1
(Finalita')

[1. Ai fini di tutela dell'ambiente e dell'ecosistema, nelle zone di mare poste entro le dodici miglia marine dalle linee di costa lungo l'intero perimetro costiero della Regione Abruzzo sono vietate le attivita' di prospezione, ricerca e coltivazione di idrocarburi liquidi e gassosi.

2. Il divieto di cui al comma 1 si applica anche ai procedimenti autorizzatori e concessori in corso alla data di entrata in vigore della presente legge, finalizzati al rilascio di titoli abilitati per l'esercizio di attivita' di prospezione, ricerca e coltivazione di idrocarburi liquidi e gassosi. Tale divieto concerne anche i procedimenti autorizzatori e concessori conseguenti e connessi.

3. E' fatta salva l'efficacia dei titoli abilitativi gia' rilasciati alla data di entrata in vigore della presente legge.]

Art. 2
(Entrata in vigore)

[1. La presente legge entra in vigore il giorno successivo a quello della sua pubblicazione sul Bollettino Ufficiale della Regione Abruzzo in versione telematica (BURAT).]