Intera legge

L.R. 3 novembre 2015, n. 36

Disposizioni in materia di acque e di autorizzazione provvisoria degli scarichi relativi ad impianti di depurazione delle acque reflue urbane in attuazione dell'art. 124, comma 6, del decreto legislativo 152/2006 e modifica alla L.R. 5/2015.

(Approvata dal Consiglio regionale con verbale n. 45/6 del 27 ottobre 2015, pubblicata nel BURA 6 novembre 2015, n. 121 Speciale ed entrata in vigore il 7 novembre 2015)

 

Testo vigente
(in vigore dal 07/11/2015)

 
   

 
Art. 3
(Competenza regionale in materia di polizia idraulica ed intervento sui corsi d'acqua)

1. Nelle more della classificazione di cui all'articolo 19, comma 6, della L.R. 16 settembre 1998, n. 81 (Norme per il riassetto organizzativo e funzionale della difesa del suolo) e delle opere idrauliche delle diverse categorie, cosi' come definite dal R.D. 25 luglio 1904, n. 523 (Testo unico delle disposizioni di legge intorno alle opere idrauliche delle diverse categorie), spettano alla Regione, in ossequio all'articolo 94, comma 5, lett. b), della L.R. 17 aprile 2003, n. 7 (Disposizioni finanziarie per la redazione del bilancio annuale 2003 e pluriennale 2003-2005 della Regione Abruzzo (legge finanziaria regionale 2003)), le competenze relative alle funzioni di polizia idraulica, pronto intervento e manutenzione di cui al suddetto R.D. 523/1904 e al R.D. 9 dicembre 1937, n. 2669 (Regolamento sulla tutela di opere idrauliche di 1a e 2a categoria e delle opere di bonifica) ivi comprese quelle spettanti all'autorita' amministrativa in relazione alle limitazioni e ai divieti all'esecuzione di opere in grado di influire sul regime dei corsi d'acqua di cui all'Allegato A.

2. Nelle more della definizione, ai sensi dell'articolo 19, comma 7, della L.R. 81/1998, delle forme di compartecipazione agli oneri finanziari conseguenti alle attribuzioni di cui al comma 1 e all'articolo 94, comma 5, della L.R. 7/2003, nonche' delle modalita' di quella richiesta ai frontisti e proprietari di beni immobili, resta salvo quanto dettato dal R.D. 523/1904 in materia di costituzione del Consorzio degli interessati e della relativa modalita' di contribuzione finanziaria di cui agli articoli 18 e seguenti del medesimo R.D. 523/1904.