Intera legge

L.R. 2 maggio 2016, n. 12

Modifiche ed integrazioni alla L.R. 31 luglio 2007, n. 32 (Norme regionali in materia di autorizzazione, accreditamento istituzionale e accordi contrattuali delle strutture sanitarie e socio sanitarie pubbliche e private) e successive modifiche ed integrazioni.

(Approvata dal Consiglio regionale con verbale n. 60/4 del 5 aprile 2016, pubblicata nel BURA 6 maggio 2016, n. 74 Speciale ed entrata in vigore il 21 maggio 2016)

 

Testo vigente
(in vigore dal 21/05/2016)

 
   

 
Art. 1
(Modifiche all'articolo 1 della L.R. 32/2007)

1. Il comma 4 dell'articolo 1 della legge regionale 31 luglio 2007, n. 32 (Norme regionali in materia di autorizzazione, accreditamento istituzionale e accordi contrattuali delle strutture sanitarie e socio sanitarie pubbliche e private) e' sostituito dal seguente:
"4. L'accreditamento istituzionale ai sensi dell'articolo 8-quater del d.lgs. 30 dicembre 1992, n. 502 (Riordino della disciplina in materia sanitaria, a norma dell'articolo 1 della legge 23 ottobre 1992, n. 421) e ss.mm.ii. e' il provvedimento che consente alle strutture sanitarie e socio-sanitarie pubbliche e private, gia' autorizzate all'esercizio, di diventare potenziali erogatrici di prestazioni in nome e per conto del Servizio Sanitario Nazionale.".

2. Il comma 5 dell'articolo 1 della L.R. 32/2007 e' sostituito dal seguente:
"5. L'accordo contrattuale ai sensi dell'articolo 8-quinquies del d.lgs. 502/1992 e ss.mm.ii. e' il rapporto instaurato tra la struttura accreditata, la ASL di appartenenza e la Regione Abruzzo per l'erogazione delle prestazioni sanitarie comprese nei Livelli Essenziali di Assistenza secondo le necessita' della programmazione sanitaria e di bilancio.".

3. Il comma 6 dell'articolo 1 della L.R. 32/2007 e' sostituito dal seguente:
"6. Per struttura sanitaria e socio-sanitaria si intende la struttura fisica e organizzativa che eroga attivita' finalizzate alla prevenzione, diagnosi, cura e riabilitazione sanitarie e socio-sanitarie nel rispetto di quanto stabilito dagli atti della programmazione sanitaria regionale ovvero piano sanitario, piani stralcio, atto del fabbisogno:
a) per presidio si intende la struttura fisica dove si erogano le prestazioni;
b) per studio medico, odontoiatrico o di altre professioni sanitarie si intende la struttura in cui un professionista sanitario regolarmente abilitato o iscritto all'ordine o all'albo di competenza esercita la propria attivita' professionale, in forma singola o associata;
c) per ambulatorio si intende la struttura, con individualita' autonoma, aperta al pubblico in giorni ed orari vincolati, la cui gestione amministrativa e' distinta dall'attivita' professionale ivi esercitata. L'ambulatorio opera in regime di impresa e puo' essere gestito in forma individuale, associata o societaria, avvalendosi esclusivamente di professionisti sanitari abilitati o iscritti ai relativi ordini o albi;
d) per poliambulatorio si intende la struttura sanitaria ambulatoriale caratterizzata dalla presenza di piu' discipline specialistiche.".