Intera legge

L.R. 27 settembre 2016, n. 34

Disposizioni in materia di centrale unica di committenza regionale e modifiche alle leggi regionali 14 marzo 2000, n. 25 (Organizzazione del comparto sistemi informativi e telematici), 29 luglio 1998, n. 64 (Istituzione dell'Agenzia Regionale per la Tutela dell'Ambiente (A.R.T.A.)) e 3 agosto 2011, n. 27 (Modifiche alla legge regionale 21 luglio 1999, n. 44 (Norme per il riordino degli Enti di edilizia residenziale pubblica): attuazione del comma 1, dell'articolo 2 della legge regionale 24 marzo 2009, n. 4 (Principi generali in materia di riordino degli Enti regionali)).

(Approvata dal Consiglio regionale con verbale n. 66/6 del 12 luglio 2016, pubblicata nel BURA 5 ottobre 2016, n. 39 ed entrata in vigore il 6 ottobre 2016)

 

Testo vigente
(in vigore dal 02/12/2021)

 
   

 
Art. 4
(Norma finanziaria)

1. Al fine di garantire il funzionamento dell'ARIC in relazione allo svolgimento delle funzioni attribuite dalla presente legge, e' autorizzata per l'anno 2016 la spesa complessiva di euro 700.000,00, cui si fa fronte:

a) per euro 190.000,00 con le risorse statali stanziate e assegnate alla Regione Abruzzo con determinazione del Dipartimento dell'Amministrazione generale, del personale e dei servizi del Ministero dell'Economia e delle Finanze del 26 febbraio 2016, relative al Fondo per l'aggregazione degli acquisti di beni e servizi, ai sensi del D.M. 16 dicembre 2015 (Criteri di ripartizione delle risorse del Fondo per l'aggregazione degli acquisti di beni e servizi per l'anno 2015);

b) per euro 510.000,00 con le risorse regionali di apposito e nuovo stanziamento "Spese di funzionamento dell'Agenzia regionale di informatica e committenza - ARIC", istituito nello stato di previsione della spesa del bilancio regionale 2016-2018, alla Missione 01 "Servizi istituzionali, generali e di gestione", Programma 08 "Statistica e sistemi informativi", Titolo 1 "Spese correnti".

2. Ai fini della copertura della spesa di euro 510.000,00 di cui al comma 1, lettera b), al bilancio di previsione 2016-2018, e' apportata per l'anno 2016 la seguente variazione per competenza e cassa di uguale importo:

a) in aumento parte Spesa: Titolo 1 "Spese correnti", Missione 01 "Servizi istituzionali, generali e di gestione", Programma 08 "Statistica e sistemi informativi", per euro 510.000,00 dello stanziamento di nuova istituzione "Spese di funzionamento dell'Agenzia regionale di informatica e committenza - ARIC";

b) in aumento parte Entrata: Titolo 1 "Entrate correnti di natura tributaria, contributiva e perequativa", Tipologia 101 "Imposte, tasse e proventi assimilati", Categoria 50, Capitolo 11630.2 "Tassa automobilistica riscossa a seguito di attivita' di accertamento e controllo", per euro 510.000,00.

3. Per le annualita' successive al 2016, gli oneri derivanti dall'attuazione delle disposizioni della presente legge trovano copertura finanziaria con le risorse statali stanziate relative al Fondo per l'aggregazione degli acquisti di beni e servizi, di cui all'articolo 9, comma 9 del decreto-legge 66/2014 e con le risorse regionali nell'ambito dello stanziamento del Titolo 1, Missione 01, Programma 08 dello stato di previsione della spesa del bilancio della Regione Abruzzo, annualmente determinato ed iscritto con la legge di bilancio, ai sensi dell'articolo 38 del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118 (Disposizioni in materia di armonizzazione dei sistemi contabili e degli schemi di bilancio delle Regioni, degli enti locali e dei loro organismi, a norma degli articoli 1 e 2 della legge 5 maggio 2009, n. 42).

3-bis. Le autorizzazioni di spesa di cui al presente articolo sono da interpretarsi come esclusivamente finalizzate alle nuove ed ulteriori funzioni attribuite all'ARIC dalla presente legge.

3-ter. Al fine di garantire il regolare funzionamento dell'ARIC, sono a carico della Regione Abruzzo le spese connesse alla gestione del Centro Tecnico di Tortoreto Lido, componente essenziale del Centro Tecnico Federato Regionale. 

3-quater. Agli oneri derivanti dall'attuazione del comma 3-ter, quantificati in euro 350.000,00 per ciascuno degli esercizi 2021, 2022 e 2023, e dunque per l'importo complessivo di euro 1.050.000,00, si provvede con l'incremento dello stanziamento iscritto sul capitolo 11517, nell'ambito della Missione 01, Programma 08, Titolo 1, del bilancio regionale di previsione 2021/2023. 

3-quinquies. Al bilancio regionale di previsione 2021/2023, per gli esercizi 2021, 2022 e 2023, sono apportate le seguenti variazioni:

a) per l'esercizio 2021, per competenza e cassa:

1) in aumento parte Spesa: Titolo 1, Missione 01, Programma 08, per euro 350.000,00;

2) in aumento parte Entrata: Titolo 1, Tipologia 101, Categoria 50, per euro 350.000,00;

b) per l'esercizio 2022, per competenza:

1) in aumento parte Spesa: Titolo 1, Missione 01, Programma 08, per euro 350.000,00;

2) in diminuzione parte Spesa: Titolo 1, Missione 20, Programma 03, per euro 350.000,00;

c) per l'esercizio 2023, per competenza:

1) in aumento parte Spesa: Titolo 1, Missione 01, Programma 08, per euro 350.000,00;

2) in diminuzione parte Spesa: Titolo 1, Missione 20, Programma 03, per euro 350.000,00.

3-sexies. Relativamente all'esercizio 2021, le maggiori spese sopra indicate sono autorizzate e possono essere impegnate esclusivamente e limitatamente all'avvenuta riscossione delle maggiori entrate de quibus. Per gli esercizi successivi al 2023 gli stanziamenti sono determinati ed iscritti sui pertinenti capitoli con le rispettive leggi di bilancio; le risorse di cui ai commi 3-ter, 3-quater e 3-quinqies sono assegnate nel rispetto della normativa europea in materia di aiuti di Stato, ai sensi degli articoli 107 e 108 del TFUE.

3-septies. Considerata la funzione di particolare rilievo svolta dall'ARIC ed i servizi resi dalla medesima in favore delle Aziende sanitarie locali (ASL), queste ultime sono tenute a versare all'Agenzia un importo pari ad euro 40.000,00 cadauna, salvo i casi di eccedenza del fondo di cui al penultimo periodo del presente comma, entro e non oltre il 15 giugno di ciascun anno, a partire dall'esercizio finanziario 2021, per la costituzione di apposito fondo da destinarsi al pagamento delle spese legali nell'ambito delle procedure aggregate, svolte dall'ARIC per conto delle stesse Aziende. L'ARIC e' tenuta alla rendicontazione annuale, in favore delle ASL, delle spese legali effettuate a valere sul fondo di cui al presente comma. L'eccedenza del fondo sara' computata in conto anno successivo, con conseguente riduzione dell'importo annuale da versarsi a carico delle singole ASL. Resta salva l'integrazione del fondo a carico delle ASL per esigenze superiori. 

3-octies. Al fine di consentire l'anticipazione delle spese di pubblicazione degli atti di gara, le ASL, entro e non oltre il 15 giugno 2021, versano all'ARIC un importo complessivo pari ad euro 20.000,00 cadauna, per la costituzione di apposito fondo, distinto da quello di cui al comma 3-septies. Le spese di pubblicazione, rimborsate dalle imprese aggiudicatarie a norma di legge, confluiscono nel fondo di cui al presente comma. Resta salva l'integrazione del fondo a carico delle Aziende per esigenze superiori. 

3-nonies. Dall'attuazione dei commi 3-septies e 3-octies non derivano oneri aggiuntivi a carico della finanza regionale.

_________________

Note all'art. 4:

     Il comma 3-bis e' stato aggiunto dall'art. 2, comma 1, lett. e), L.R. 12 gennaio 2018, n. 4.

     I commi da 3-ter a 3-nonies sono stati aggiunti dall'art. 26, comma 1, L.R. 28 maggio 2021, n. 13, come modificato, detto art. 26, dall'art. 2, comma 1, L.R. 29 novembre 2021, n. 23.

_____________________________________