Intera legge

L.R. 2 marzo 2020, n. 8

Riconoscimento della legittimita' dei debiti fuori bilancio ai sensi dell'articolo 73, comma 1, lettera a) del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, derivanti dalla sentenza del T.A.R. Abruzzo n. 166/2018. Dipartimento Sviluppo Economico - Turismo (DPH), modifiche alle leggi regionali 46/2019, 22/2014, 48/2019, 96/1996, 34/2019, 18/2001, 45/2001, 1/2018 e ulteriori disposizioni di carattere urgente.

(Approvata dal Consiglio regionale con verbale n. 24/3 del 18 febbraio 2020, pubblicata nel BURA 11 marzo 2020, n. 10 ed entrata in vigore il 12 marzo 2020)

 

Testo vigente
(in vigore dal 12/03/2020)

 
   

 
Art. 5
(Modifiche alla l.r. 96/1996, alla l.r. 34/2019 e ulteriori disposizioni di carattere urgente)

1. Al primo comma dell'articolo 2 della legge regionale 25 ottobre 1996, n. 96 (Norme per l'assegnazione e la gestione degli alloggi di edilizia residenziale pubblica e per la determinazione dei relativi canoni di locazione) sono apportate le seguenti modifiche:

a) dopo la lettera b-bis) e' inserita la seguente:
"b-ter) non avere riportato, negli ultimi cinque anni dalla data di pubblicazione del bando, a seguito di sentenza passata in giudicato ovvero di patteggiamento ai sensi dell'articolo 444 del codice di procedura penale, condanna per i reati di vilipendio di cui agli articoli 290, 291 e 292 del codice penale, nonche' per i reati di gioco d'azzardo, detenzione e/o porto abusivo di armi;";

b) la lettera g-bis) e' abrogata.

2. Al quinto comma dell'articolo 2 della l.r. 96/1996 le parole "b-bis), c), d), e), g), g-bis), g-ter), g-quater e g-quinquies)" sono sostituite dalle seguenti: "b-bis), c), d), e), g), g-ter e g-quater)".

3. Il comma 7-bis dell'articolo 2 della l.r. 96/1996 e' sostituito dal seguente:
"7-bis. I requisiti di cui alle lettere b-bis) e b-ter) non si applicano in caso di intervenuta riabilitazione.".

4. Il comma 3 dell'articolo 8 della legge regionale 31 ottobre 2019, n. 34 (Modifiche alla legge regionale 25 ottobre 1996, n. 96 (Norme per l'assegnazione e la gestione degli alloggi di edilizia residenziale pubblica e per la determinazione dei relativi canoni di locazione) e ulteriori disposizioni normative) e' abrogato con effetto dalla data di entrata in vigore della legge medesima, con contestuale reviviscenza della l.r. 96/1996, cosi' come integrata dall'articolo 3, comma 1, lettera b) della l.r. 18/2018.

5. Allo scopo di contrastare il fenomeno del degrado urbano, contribuire a garantire l'ordine pubblico e riqualificare le aree in cui insiste una cospicua concentrazione di immobili appartenenti all'edilizia residenziale pubblica, le Ater e i soggetti gestori degli alloggi di edilizia residenziale pubblica approvano programmi di riqualificazione e rigenerazione urbana delle predette aree, dando priorita' alle aree nelle quali si sono registrati ripetuti episodi di criminalita'. In caso di assenza della predetta condizione di priorita', possono essere considerate prioritarie le aree caratterizzate da perduranti situazioni di inutilizzabilita' degli alloggi o da occupazioni illegali non sanabili ovvero le aree in stato di degrado o abbandono tali da rappresentare un fattore di grave danno sotto il profilo ambientale, urbanistico e sociale. I programmi di riqualificazione e rigenerazione urbana predisposti dalle Ater sono preventivamente comunicati alla competente Commissione consiliare, che ne prende atto.