Intera legge

L.R. 10 gennaio 2013, n. 3

Bilancio di previsione per l'esercizio finanziario 2013 - Bilancio pluriennale 2013 - 2015.

(Approvata dal Consiglio regionale con verbale n. 138/5 del 28 dicembre 2012, pubblicata nel BURA 16 gennaio 2013, n. 7 Speciale ed entrata in vigore il 1o gennaio 2013)

 

Testo originale
(in vigore dal 01/01/2013 al 08/05/2013)

 
   

 
Indice

TITOLO I - DISPOSIZIONI INERENTI AL BILANCIO DI PREVISIONE

Art. 1 - (Entrate)

Art. 2 - (Residui attivi)

Art. 3 - (Accertamento, riscossione e versamento)

Art. 4 - (Spese)

Art. 5 - (Residui passivi)

Art. 6 - (Unita' Previsionali di Base)

Art. 7 - (Contabilita' Speciali)

Art. 8 - (Autonomia del Consiglio regionale)

Art. 9 - (Autorizzazione per impegni e pagamenti)

Art. 10 - (Quadro generale riassuntivo)

Art. 11 - (Saldo finanziario) [costituzionalmente illegittimo]

Art. 12 - (Termini di perenzione dei residui passivi)

Art. 13 - (Residui passivi spese in conto capitale)

Art. 14 - (Residui passivi spese correnti)

Art. 15 - (Risorse perenti ed economie con vincolo di destinazione)

Art. 16 - (Fondo di riserva per le spese obbligatorie)

Art. 17 - (Fondo di riserva per le spese impreviste)

Art. 18 - (Fondo di riserva per le autorizzazioni di cassa)

Art. 19 - (Variazioni al bilancio)

Art. 20 - (Variazioni compensative tra capitoli della medesima U.P.B.)

Art. 21 - (Codifica dei capitoli)

Art. 22 - (Garanzie prestate dalla Regione)

Art. 23 - (Variazioni relative alle contabilita' speciali)

Art. 24 - (Restituzioni di importi a destinazione vincolata)

Art. 25 - (Eliminazione dei capitoli)

Art. 26 - (Pubblicita' degli atti)

TITOLO II - DISPOSIZIONI GENERALI DI NATURA FINANZIARIA E GIUSCONTABILE

Art. 27 - (Annullamento dei diritti di credito)

Art. 28 - (Limite per gli impegni)

Art. 29 - (Erogazione delle spese)

Art. 30 - (Disposizioni per i pagamenti)

Art. 31 - (Bilancio pluriennale)

Art. 32 - (Agenzia Regionale per l'Informatica e la Telematica - A.R.I.T.)

Art. 33 - (Aziende regionali per il diritto agli studi universitari)

Art. 34 - (Agenzia Sanitaria Regionale -A.S.R.)

Art. 35 - (Agenzia Regionale per la Tutela dell'Ambiente ARTA)

Art. 36 - (Entrata in vigore)

Allegati  - 

 

TITOLO I
DISPOSIZIONI INERENTI AL BILANCIO DI PREVISIONE

Art. 1
(Entrate)

1. [E' approvato in Euro 6.537.378.400,83 il totale generale dell'entrata del bilancio di competenza della Regione per 'l'esercizio finanziario 2013.]

2. E' approvato [in Euro 6.679.650.545,06] il totale generale dell'entrata del bilancio di cassa della Regione per l'esercizio finanziario 2013, ivi compresa la giacenza di cassa presunta [di Euro 444.050.000,00] risultante al 1o gennaio 2013.

_________________

Note all'art. 1:

     Con sentenza n. 250 del 2013, la Corte costituzionale, nel dichiarare l'illegittimita' costituzionale degli articoli 13, comma 1, e 14, comma 1, nella parte inerente all'imputazione della spesa ai capitoli 323500 (U.P.B. 15.02.003) e 321920 (U.P.B. 15.01.002) del bilancio di previsione 2013, ha dichiarato, in via consequenziale, ai sensi dell'art. 27 della legge 11 marzo 1953, n. 87 (Norme sulla costituzione e sul funzionamento della Corte costituzionale), l'illegittimita' costituzionale del presente articolo nella parte in cui contabilizza, nell'entrata del bilancio di competenza e di cassa dell'esercizio 2013, il saldo finanziario positivo presunto dell'esercizio 2012 nella misura di euro 9.000.000,00.

     Con ordinanza del 23 marzo 2016, la Corte dei conti, sezione regionale di controllo per l'Abruzzo, ha sollevato, in riferimento agli articoli 81, quarto comma, nel testo vigente prima della modifica introdotta dalla legge costituzionale 20 aprile 2012, n. 1 (Introduzione del principio del pareggio di bilancio nella Carta costituzionale), e 119, sesto comma, della Costituzione, questione di legittimita' costituzionale del presente articolo.

     Con sentenza n. 89 del 2017 la Corte costituzionale ha dichiarato l'illegittimita' costituzionale del comma 1.

_____________________________________

Art. 2
(Residui attivi)

1. Il totale generale dei residui attivi presunti al 31 dicembre 2012 dei quali si autorizza il riporto nel bilancio di previsione della Regione per l'esercizio finanziario 2013 e' di Euro 2.515.746.252,79.

Art. 3
(Accertamento, riscossione e versamento)

1. Sono autorizzati l'accertamento, la riscossione e il versamento, secondo le leggi in vigore, delle entrate dovute alla Regione per l'esercizio finanziario 2013 giusta lo stato di previsione dell'entrata.

Art. 4
(Spese)

1. [E' approvato in Euro 6.537.378.400,83 il totale generale della spesa del bilancio di competenza della Regione per l'esercizio finanziario 2013.]

2. E' approvato [in Euro 6.679.650.545,06] il totale generale della spesa del bilancio di cassa della Regione per l'esercizio finanziario 2013.

_________________

Note all'art. 4:

     Con sentenza n. 250 del 2013, la Corte costituzionale, nel dichiarare l'illegittimita' costituzionale degli articoli 13, comma 1, e 14, comma 1, nella parte inerente all'imputazione della spesa ai capitoli 323500 (U.P.B. 15.02.003) e 321920 (U.P.B. 15.01.002) del bilancio di previsione 2013, ha dichiarato, in via consequenziale, ai sensi dell'art. 27 della legge 11 marzo 1953, n. 87 (Norme sulla costituzione e sul funzionamento della Corte costituzionale), l'illegittimita' costituzionale del presente articolo nella parte in cui contabilizza, nella spesa del bilancio di competenza e di cassa dell'esercizio 2013, il saldo finanziario positivo presunto dell'esercizio 2012 nella misura di euro 9.000.000,00.

     Con ordinanza del 23 marzo 2016, la Corte dei conti, sezione regionale di controllo per l'Abruzzo, ha sollevato, in riferimento agli articoli 81, quarto comma, nel testo vigente prima della modifica introdotta dalla legge costituzionale 20 aprile 2012, n. 1 (Introduzione del principio del pareggio di bilancio nella Carta costituzionale), e 119, sesto comma, della Costituzione, questione di legittimita' costituzionale del presente articolo.

     Con sentenza n. 89 del 2017 la Corte costituzionale ha dichiarato l'illegittimita' costituzionale del comma 1.

_____________________________________

Art. 5
(Residui passivi)

1. Il totale generale dei residui passivi presunti al 31 dicembre 2012 dei quali si autorizza il riporto nel bilancio di previsione della Regione per l'esercizio finanziario 2013 e' di Euro 1.905.956.252,79.

Art. 6
(Unita' Previsionali di Base)

1. Ai sensi dell'art. 10, comma 4 della L.R. 25 marzo 2002, n. 3, sono approvate, le singole unita' previsionali di base iscritte nello stato di previsione dell'entrata e nello stato di previsione della spesa come indicato nel bilancio di previsione.

Art. 7
(Contabilita' Speciali)

1. Ai sensi dell'art. 10, comma 9 della L.R. 25 marzo 2002, n. 3, sono approvate, nel loro complesso, le contabilita' speciali, iscritte nello stato di previsione dell'entrata e nello stato di previsione della spesa di competenza, per complessivi Euro 2.284.293.000,00.

Art. 8
(Autonomia del Consiglio regionale)

1. L'unita' previsionale di base riferita all'autonomia e organizzazione del Consiglio regionale di cui alla L.R. 9 maggio 2001, n. 18 e' la 01.01.005 denominata "Funzionamento del Consiglio regionale". 

2. Ai sensi dell'art. 46 della L.R. 25 marzo 2002, n. 3, al bilancio annuale di previsione e' allegato il bilancio di previsione per l'esercizio finanziario 2013 del Consiglio regionale.

Art. 9
(Autorizzazione per impegni e pagamenti)

1. E' autorizzato l'impegno delle spese della "Regione per l'esercizio finanziario 2013, nei limiti degli stanziamenti di competenza di cui all'art. 4, comma 1, della presente legge. 

2. E' autorizzato il pagamento delle spese della Regione per l'esercizio finanziario 2013, nei limiti degli stanziamenti di cassa di cui all'art. 4, comma 2, della presente legge.

Art. 10
(Quadro generale riassuntivo)

1. E' approvato il quadro generale riassuntivo del bilancio della Regione per l'esercizio finanziario 2013 previsto dall'art. 17 della L.R. 25 marzo 2002, n. 3.

Art. 11
(Saldo finanziario)

1. [Ai sensi dell'art. 10, comma 7, della L.R. 25 marzo 2002, n. 3, e' approvato il saldo finanziario positivo presunto di Euro 1.053.840.000,00, riportato nello stato di previsione dell'entrata, che e' destinato alla copertura delle somme reiscritte nella competenza dello stato di previsione della spesa nei capitoli dei fondi di riserva 323600 (U.P.B. 15.01.003), 323700 (U.P.B. 15.02.003), 323500 (U.P.B. 15.02.003) e 321920 (U.P.B. 15.01.002), a seguito dell'eliminazione o del mancato riporto tra i residui passivi di partite derivanti dalla legislazione statale o comunitaria e dall'eliminazione dei residui passivi perenti delle spese in conto capitale e delle spese correnti, nonche' dei capitoli riportati nella Tabella economie vincolate riprogrammate con il bilancio di previsione annuale 2013, allegata alla presente legge, e del capitolo 12.01.001 - 81520 (piano di rientro deficit sanitari) a titolo di maggiori entrate da manovre fiscali regionali degli anni precedenti a copertura del Piano di rientro dai deficit sanitari.]

_________________

Note all'art. 11:

     Con sentenza n. 250 del 2013, la Corte costituzionale, nel dichiarare l'illegittimita' costituzionale degli articoli 13, comma 1, e 14, comma 1, nella parte inerente all'imputazione della spesa ai capitoli 323500 (U.P.B. 15.02.003) e 321920 (U.P.B. 15.01.002) del bilancio di previsione 2013, ha dichiarato, in via consequenziale, ai sensi dell'art. 27 della legge 11 marzo 1953, n. 87 (Norme sulla costituzione e sul funzionamento della Corte costituzionale), l'illegittimita' costituzionale del presente articolo nella parte in cui applica al bilancio di previsione 2013 il saldo finanziario positivo presunto dell'esercizio 2012 nella misura di euro 9.000.000,00.

     Con ordinanza del 23 marzo 2016, la Corte dei conti, sezione regionale di controllo per l'Abruzzo, ha sollevato, in riferimento agli articoli 81, quarto comma, nel testo vigente prima della modifica introdotta dalla legge costituzionale 20 aprile 2012, n. 1 (Introduzione del principio del pareggio di bilancio nella Carta costituzionale), e 119, sesto comma, della Costituzione, questione di legittimita' costituzionale del presente articolo.

     Con sentenza n. 89 del 2017 la Corte costituzionale ha dichiarato l'illegittimita' costituzionale del presente articolo.

_____________________________________

Art. 12
(Termini di perenzione dei residui passivi)

1. Le somme impegnate a norma dell'art. 33 della L.R. 25 marzo 2002, n. 3, e non pagate entro il termine dell'esercizio, possono essere conservate nel conto dei residui per non piu' di due anni successivi a quello in cui l'impegno si e' perfezionato per le spese correnti e per non piu' di sei anni per le spese in conto capitale. 

2. I residui passivi delle contabilita' speciali non sono soggetti a termini di perenzione.

Art. 13
(Residui passivi spese in conto capitale)

1. E' autorizzata l'iscrizione, nello stato di previsione della spesa, del cap. 323500 (U.P.B. 15.02.003) denominato "Fondo speciale per la riassegnazione dei residui passivi delle spese in conto capitale, perenti, agli effetti amministrativi, reclamate dai creditori", ai sensi dell'art. 34, comma 7, lett. a) della L.R. 25 marzo 2002, n. 3[, con lo stanziamento per competenza di Euro 6.000.000,00].

2. Il Dirigente del Servizio Bilancio e' autorizzato a prelevare, dal predetto fondo, con propria determina, le somme occorrenti per la corresponsione a favore dei creditori degli importi di cui al comma precedente, previa iscrizione degli stanziamenti necessari nei pertinenti capitoli o in nuovi capitoli dello stato di previsione della spesa. 

3. I prelevamenti e le conseguenti reiscrizioni di cui al secondo comma sono disposti previo accertamento e certificazione da parte della Direzione competente: 

-  della non sopravvenuta prescrizione delle somme relative; 

-  dell'avvenuto perfezionamento dell'obbligazione nell'esercizio originario di competenza; 

-  dell'impegno che diede luogo al residuo passivo successivamente caduto in perenzione amministrativa.

_________________

Note all'art. 13:

     Con delibera dell'8 marzo 2013, il Consiglio dei ministri ha impugnato davanti alla Corte Costituzionale, ai sensi dell'art. 127 della Costituzione, il presente articolo per contrasto con gli articoli 81, quarto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione. Con sentenza n. 250 del 2013, la Corte costituzionale ha dichiarato l'illegittimita' costituzionale del comma 1 nella parte inerente all'imputazione della spesa al capitolo 323500 (U.P.B. 15.02.003) del bilancio di previsione 2013.

_____________________________________

Art. 14
(Residui passivi spese correnti)

1. E' autorizzata l'iscrizione, nello stato di previsione della spesa, del cap. 321920 (U.P.B. 15.01.002) denominato "Fondo di riserva per la riassegnazione dei residui passivi di parte corrente, perenti agli effetti amministrativi, reclamate dai creditori", ai sensi dell'art. 18, comma 2, della L.R. 25 marzo 2002, n. 3[, con lo stanziamento per competenza di Euro 3.000.000,00].

2. Il Dirigente del Servizio Bilancio e' autorizzato a prelevare, dal predetto fondo, con propria determina, le somme occorrenti per la corresponsione a favore dei creditori degli importi di cui al comma precedente, previa iscrizione degli stanziamenti necessari nei pertinenti capitoli o in nuovi capitoli dello stato di previsione della spesa. 

3. I prelevamenti e le conseguenti reiscrizioni di cui al secondo comma sono disposti previo accertamento e certificazione da parte della Direzione competente: 

-  della non sopravvenuta prescrizione delle somme relative; 

-  dell'avvenuto perfezionamento dell'obbligazione nell'esercizio originario di competenza; 

-  dell'impegno che diede luogo al residuo passivo successivamente caduto in perenzione amministrativa.

_________________

Note all'art. 14:

     Con delibera dell'8 marzo 2013, il Consiglio dei ministri ha impugnato davanti alla Corte Costituzionale, ai sensi dell'art. 127 della Costituzione, il presente articolo per contrasto con gli articoli 81, quarto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione. Con sentenza n. 250 del 2013, la Corte costituzionale ha dichiarato l'illegittimita' costituzionale del comma 1 nella parte inerente all'imputazione della spesa al capitolo 321920 (U.P.B. 15.01.002) del bilancio di previsione 2013.

_____________________________________

Art. 15
(Risorse perenti ed economie con vincolo di destinazione)

1. Ai sensi dell'art. 34, comma 7, lett. b) della L.R. 25 marzo 2002, n. 3, e' autorizzata l'iscrizione, nello stato di previsione della spesa, del capitolo 323700 (U.P.B. 15.02.003) denominato "Fondo per la riassegnazione di risorse perenti vincolate eliminate dal conto dei residui" con lo stanziamento per competenza di Euro 50.000.000,00. 

2. Ai sensi dell'art. 34, comma 7, lett. c) della L.R. 25 marzo 2002, n. 3, e' autorizzata, altresi', l'iscrizione nello stato di previsione della spesa, del capitolo 323600 (U.P.B. 15.01.003) denominato "Fondo per la riassegnazione di economie vincolate" con lo stanziamento per competenza di Euro 913.261.029,40. 

3. [Con il bilancio di previsione sono riprogrammate le economie vincolate riportate nella tabella di cui all'art. 11 per l'importo di Euro 77.738.970,60.]

4. La somma di Euro 3.840.000,00 iscritta sul capitolo di spesa 12.01.001 - 81520 e coperta dal saldo finanziario positivo di cui al precedente articolo 11, e' destinata al piano di rientro dai deficit sanitari. 

5. Gli stanziamenti dei capitoli di cui ai commi 1, 2, 3 e 4 e quelli dei capitoli di cui agli articoli 13 e 14, costituiscono le riassegnazioni delle risorse vincolate eliminate dal conto del bilancio e pari complessivamente ad Euro 1.053.840.000,00. Tali stanziamenti sono coperti dal saldo finanziario positivo di cui all'articolo 11. 

6. Il Dirigente del Servizio Bilancio e' autorizzato a prelevare dai fondi di cui ai commi 1 e 2 e di cui agli artt. 13 e 14, con propria determina, su richiesta delle Direzioni competenti, le somme occorrenti per la reiscrizione degli importi di cui al comma precedente, previa iscrizione degli stanziamenti necessari nei pertinenti capitoli dello stato di previsione della spesa.

_________________

Note all'art. 15:

     Con ordinanza del 23 marzo 2016, la Corte dei conti, sezione regionale di controllo per l'Abruzzo, ha sollevato, in riferimento agli articoli 81, quarto comma, nel testo vigente prima della modifica introdotta dalla legge costituzionale 20 aprile 2012, n. 1 (Introduzione del principio del pareggio di bilancio nella Carta costituzionale), e 119, sesto comma, della Costituzione, questione di legittimita' costituzionale del comma 3.

     Con sentenza n. 89 del 2017 la Corte costituzionale ha dichiarato l'illegittimita' costituzionale del comma 3.

_____________________________________

Art. 16
(Fondo di riserva per le spese obbligatorie)

1. Nello stato di previsione della spesa e' autorizzata l'iscrizione del cap. 321940 (U.P.B. 15.01.002) denominato "Fondo di riserva per le spese obbligatorie", ai sensi dell'art. 18 comma 3 della L.R. 25 marzo 2002, n. 3

2. Al bilancio di previsione e' allegato l'elenco delle spese obbligatorie, correlate alle unita' previsionali di base, ai sensi dell'art. 18, comma 3, della L.R. 25 marzo 2002, n. 3

3. Il Presidente della Giunta regionale e' autorizzato a disporre, con proprio decreto, il prelevamento di somme dal fondo di riserva per le spese obbligatorie e la loro iscrizione ai capitoli di bilancio inclusi nell'elenco allegato al bilancio di cui al comma precedente.

Art. 17
(Fondo di riserva per le spese impreviste)

1. Nello stato di previsione della spesa e' autorizzata l'iscrizione del cap. 321930 (U.P.B.15.01.002) denominato "Fondo di riserva per le spese impreviste", ai sensi dell'art. 19 della L. R. 25 marzo 2002, n. 3

2. I prelevamenti dal "Fondo di riserva per le spese impreviste" sono disposti mediante deliberazione della Giunta regionale, da trasmettere alla Presidenza del Consiglio regionale entro 30 giorni dalla adozione.

Art. 18
(Fondo di riserva per le autorizzazioni di cassa)

1. Ai sensi dell'art. 20 della L.R. 25 marzo 2002, n. 3, ed al fine di facilitare il monitoraggio per la verifica del rispetto del patto di stabilita' e' autorizzata l'iscrizione, nello stato di previsione della spesa, del cap. 321910 (U.P.B. 15.01.002) denominato "Fondo di riserva per fare fronte a maggiori pagamenti di spese correnti" con uno stanziamento di cassa di Euro 50.000.000,00. 

2. Nello stato di previsione della spesa, e' autorizzata, altresi', l'iscrizione del cap. 322910 (U.P.B. 15.02.003) denominato "Fondo di riserva per le autorizzazioni di cassa per pagamenti in conto capitale" con uno stanziamento di cassa di Euro 50.000.000,00 ai sensi dell'art. 20 della L.R. 25 marzo 2002, n. 3

3. I prelevamenti dai predetti fondi sono disposti con deliberazione della Giunta regionale ai sensi del comma 2 dell'art. 20 della L.R. 25 marzo 2002, n. 3.

Art. 19
(Variazioni al bilancio)

1. La Giunta regionale e' autorizzata, ai sensi dell'art. 25, comma 2 della L. R. 25 marzo 2002, n. 3, ad introdurre variazioni al bilancio per l'incremento di unita' previsionali di base presenti o per l'istituzione di nuove unita' previsionali di base per l'iscrizione di entrate derivanti da assegnazioni vincolate a scopi specifici nonche' per l'iscrizione delle relative spese quando queste siano tassativamente regolate dalla legge o da specifiche convenzioni.

Art. 20
(Variazioni compensative tra capitoli della medesima U.P.B.)

1. La Giunta regionale e' autorizzata, ai sensi dell'art. 25, comma 3, della L.R. 25 marzo 2002, n. 3, ad apportare variazioni compensative fra capitoli della medesima unita' previsionale di base, fatta eccezione per le autorizzazioni di spesa di natura obbligatoria, per le spese in annualita' ed a pagamento differito, e per quelle direttamente regolate con legge. 

2. Le variazioni di bilancio di cui al precedente comma sono disposte su proposta del competente Direttore regionale e, qualora le variazioni riguardino piu' Direzioni, la proposta viene formulata di concerto fra i Direttori interessati. 

3. I relativi provvedimenti sono sottoposti a verifica da parte del Servizio Bilancio prima dell'approvazione e, nell'ipotesi prevista al comma 7, dell'art. 25, della L.R. 25 marzo 2002, n. 3, successivamente comunicati al Consiglio regionale dal Servizio Affari della Giunta.

Art. 21
(Codifica dei capitoli)

1. La Giunta regionale puo' procedere nel corso dell'esercizio finanziario alla ricodifica dei capitoli di bilancio, ferma restando l'appartenenza degli stessi alle relative U.P.B ..

Art. 22
(Garanzie prestate dalla Regione)

1. Nello stato di previsione della spesa, e' iscritto il capitolo 312600 (U.P.B. 16.03.003) ai sensi dell'art. 24 della L.R. 25 marzo 2002, n. 3.

2. Lo stanziamento relativo e' destinato a fronteggiare gli obblighi discendenti dalla concessione di garanzie fidejussorie in corso e, ove ne ricorrano i presupposti, di garanzie fidejussorie pregresse fatte salve le garanzie fidejussorie concesse con specifiche leggi e gravanti su ulteriori individuati capitoli.

Art. 23
(Variazioni relative alle contabilita' speciali)

1. La Giunta regionale e' autorizzata ad introdurre, nello stato di previsione dell'entrata e nello stato di previsione della spesa del bilancio regionale, variazioni relative alle contabilita' speciali, strettamente connesse tra loro per disposizioni di leggi statali.

Art. 24
(Restituzioni di importi a destinazione vincolata)

1. Ai sensi dell'art. 25 della L.R. 25 marzo 2002, n. 3, la Giunta regionale e' autorizzata ad adottare le variazioni di bilancio necessarie per l'adeguamento degli stanziamenti dei capitoli di entrata e di spesa riguardanti la restituzione di somme a destinazione vincolata.

Art. 25
(Eliminazione dei capitoli)

1. La Giunta regionale e' autorizzata ad individuare i capitoli di Entrata e di Spesa che non sono piu' utili ai fini della gestione ed a procedere alla relativa eliminazione dal bilancio. 

2. Gli atti di eliminazione sono comunicati alla Commissione Bilancio del Consiglio regionale.

Art. 26
(Pubblicita' degli atti)

1. Tutti gli atti amministrativi con i quali sono disposte variazioni di bilancio devono essere pubblicati, per estratto, nel Bollettino Ufficiale della Regione.

TITOLO II
DISPOSIZIONI GENERALI DI NATURA FINANZIARIA E GIUSCONTABILE

Art. 27
(Annullamento dei diritti di credito)

1. La Giunta regionale e' autorizzata, individuandone opportunamente le condizioni e le modalita', a disporre l'annullamento dei diritti di credito vantati dalla Regione quando il costo delle operazioni di esazione di ciascuna entrata risulti eccessivo rispetto alla misura dell'entrata stessa. 

2. Il limite massimo di ciascun credito annullabile e' fissato in Euro 10,00.

Art. 28
(Limite per gli impegni)

1. Gli stanziamenti di spesa per competenza costituiscono, a termini dell'ordinamento vigente, limiti insuperabili nell'assunzione degli impegni da parte dei competenti Organi. 

2. L'operativita' di tutte le leggi regionali di autorizzazione di spesa resta conseguentemente limitata in modo non derogabile. 

3. Ove di necessita', gli interventi contemplati dalle leggi stesse devono essere proporzionalmente ridotti in rapporto all'entita' degli stanziamenti iscritti per competenza.

Art. 29
(Erogazione delle spese)

1. L'erogazione delle spese a valere sugli stanziamenti di cassa seguono, di norma, l'andamento effettivo dei tempi di deflusso delle disponibilita' regionali sul conto speciale acceso presso la Banca d'Italia - Sezione di Tesoreria Provinciale dello Stato nel rispetto delle norme sulla Tesoreria Unica di cui alla Legge 29.10.1984, n. 720 e dell'art. 66 della Legge 23.12.2000, n. 388.

Art. 30
(Disposizioni per i pagamenti)

1. L'invio dei documenti contabili di spesa alla Tesoreria regionale segue le disponibilita' regionali esistenti sul conto di contabilita' speciale acceso presso la Banca d'Italia - Sezione di Tesoreria Provinciale dello Stato. 

2. Devono essere comunque inviati alla Tesoreria regionale i documenti contabili di spesa il cui ritardo nella loro estinzione potrebbe comportare un aggravio di oneri a carico della Regione. 

3. Le eventuali anticipazioni di cassa che si dovessero rendere necessarie per quanto stabilito nei commi precedenti sono concesse nel corso dell'esercizio nei limiti e secondo le modalita' stabilite dall'art. 10, comma 4, della L. 16.5.1970, n. 281, e successive modificazioni ed integrazioni e della legislazione statale vigente in materia.

Art. 31
(Bilancio pluriennale)

1. E' approvato ai sensi dell'art. 6 della L.R. 25 marzo 2002, n. 3, il bilancio relativo al triennio 2013 - 2015 quale allegato al bilancio di previsione per l'esercizio 2013.

Art. 32
(Agenzia Regionale per l'Informatica e la Telematica - A.R.I.T.)

1. Ai sensi dell'art. 47 della L.R. 25 marzo 2002, n. 3 e' approvato l'allegato bilancio per l'esercizio finanziario 2013 dell'Agenzia Regionale per l'Informatica e la Telematica - A.R.I.T. 

2. Ai sensi dell'art. 25 della L.R. 14 marzo 2000, n. 25, e' autorizzata l'iscrizione nello stato di previsione della spesa del bilancio regionale, del seguente stanziamento relativo al finanziamento in favore dell'Agenzia Regionale per l'Informatica e la Telematica - A.R.I.T.: 

-  Euro 850.000,00 al capitolo 02.01.013 -11517 per le spese di funzionamento; 

-  Euro 0,00 al capitolo 02.02.011 - 12432 per le spese d'investimento. 

3. Entro 30 giorni dalla data di pubblicazione della presente legge l'Agenzia Regionale per l'Informatica e la Telematica - A.R.I.T. e' tenuta ad adottare i provvedimenti di variazione del bilancio cosi' da renderlo compatibile con le assegnazioni disposte. 

4. In caso di inadempimento, il Presidente della Giunta regionale, su proposta della direzione competente per materia, nomina un Commissario ad acta con poteri sostitutivi individuato nell'ambito del personale regionale con qualifica dirigenziale.

Art. 33
(Aziende regionali per il diritto agli studi universitari)

1. Ai sensi dell'art. 47 della L.R. 25 marzo 2002, n. 3 e' approvato l'allegato bilancio di previsione per l'esercizio finanziario 2013 delle Aziende regionali per il diritto agli studi universitari di Chieti, Teramo, L'Aquila. 

2. Ai sensi dell'art. 17 della L.R. 6 dicembre 1994, n. 91 e' autorizzata l'iscrizione nello stato di previsione della spesa del bilancio regionale, dei seguenti stanziamenti relativi al finanziamento in favore delle Aziende per il diritto agli studi Universitari di Chieti, Teramo, L'Aquila: 

-  Euro 4.750.000,00 al capitolo 10.01.002 - 41511 per spese correnti; 

-  Euro 0,00 al capitolo 10.02.001 - 42322 per spese in conto capitale. 

3. Entro 30 giorni dalla data di pubblicazione della presente legge la Giunta regionale ripartisce i predetti fondi tra le Aziende le quali, entro i trenta giorni successivi, sono tenute ad adottare i provvedimenti di variazione del bilancio cosi' da renderlo compatibile con le assegnazioni disposte. 

4. In caso di inadempimento, il Presidente della Giunta regionale, su proposta della direzione competente per materia, nomina un Commissario ad acta con poteri sostitutivi individuato nell'ambito del personale regionale con qualifica dirigenziale.

Art. 34
(Agenzia Sanitaria Regionale -A.S.R.)

1. Ai sensi dell'art. 47 della L.R. 25 marzo 2002, n. 3 e' approvato l'allegato bilancio per l'esercizio finanziario 2013 dell'Agenzia Sanitaria Regionale. 

2. Ai sensi della L.R. 10 marzo 2008, n. 5, e' autorizzata l'iscrizione nello stato di previsione della spesa del bilancio regionale, del seguente stanziamento relativo al finanziamento in favore dell'Agenzia Sanitaria Regionale: 

-  Euro 1.400.000,00 al capitolo 12.01.001 - 81509 per il finanziamento dell'Agenzia. 

3. Entro 30 giorni dalla data di pubblicazione della presente legge l'Agenzia Sanitaria Regionale e' tenuta ad adottare i provvedimenti di variazione del bilancio cosi' da renderlo compatibile con le assegnazioni disposte. 

4. In caso di inadempimento, il Presidente della Giunta regionale, su proposta della direzione competente per materia, nomina un Commissario ad acta con poteri sostitutivi individuato nell'ambito del personale regionale con qualifica dirigenziale.

Art. 35
(Agenzia Regionale per la Tutela dell'Ambiente ARTA)

1. Ai sensi dell'art. 47 della L.R. 25 marzo 2002, n. 3, e' approvato l'allegato bilancio per l'esercizio finanziario 2013 dell'Agenzia Regionale per la Tutela dell'Ambiente - A.R.TA.. 

2. Ai sensi dell'art. 29 della L.R. 29 luglio 1998, n. 64, e' autorizzata l'iscrizione, nello stato di previsione della spesa del bilancio regionale, dei seguenti stanziamenti relativi al finanziamento in favore dell'A.R.T.A.: 

-  Euro 1.200.000,00 al capitolo 05.01.020 - 291550 per il funzionamento dell'Agenzia. 

3. Entro 30 giorni dalla data di pubblicazione della presente legge, l'Agenzia Regionale per la Tutela dell'Ambiente - A.R.T.A. e' tenuta ad adottare i provvedimenti di variazione di bilancio, cosi' da renderlo compatibile con le assegnazioni disposte. 

4. In caso di inadempimento, il Presidente della Giunta regionale, su proposta della direzione competente per materia, nomina un Commissario ad acta con poteri sostitutivi individuato nell'ambito del personale regionale con qualifica dirigenziale.

Art. 36
(Entrata in vigore)

1. La presente legge entra in vigore il 1o gennaio 2013.

__________________
 

Allegati 

 

Vedi il VOLUME I, Parte II, del BURA 16 gennaio 2013, n. 7 Speciale per consultare i seguenti allegati:

-  Delibera del Consiglio Regionale del 29.11.2012 n. 199; 

-  Bilancio di previsione Consiglio Regionale esercizio finanziario 2013 - Bilancio pluriennale 2013 - 2015; 

-  Bilancio di previsione della Giunta Regionale per l'esercizio 2013: 

- PARTE ENTRATA; 

- PARTE SPESA.

 

Vedi il VOLUME II del BURA 16 gennaio 2013, n. 7 Speciale per consultare i seguenti allegati di  Enti strumentali, Agenzie ed Aziende regionali:

-  ARIT - Approvazione del Bilancio di previsione 2013 e del Bilancio pluriennale 2013/2015;

-  ARTA - Adozione Bilancio di previsione 2013;

-  ASR ABRUZZO - Approvazione Bilancio di previsione per l'esercizio finanziario 2013 e bilancio pluriennale 2013 - 2015;

-  ADSU CHIETI - Bilacio di previsione 2013; 

-  ADSU L'AQUILA - Approvazione Bilancio 2013 e bilancio pluriennale 2013 - 2015; 

-  ADSU TERAMO - Approvazione Bilancio di previsione 2013 e bilancio pluriennale 2013 - 2015.